Anche in pineta e sulla sabbia di Chiatona il Crispiano Marathon Club c ........

Ci eravamo lasciati a Brindisi dandoci appuntamento alla domenica successiva per fare un bel bagno a mare dopo la gara di Chiatona. E per molti di noi bagno è stato. Ma iniziamo con ordine. Impegni familiari e di lavoro(Corrado sul lavoro sei un vero artista)  limitano il numero delle nostre iscrizioni a 13, poi imprevisti dell’ultimo momento ci lasciano senza la presenza del presidente Franco e del segretario Luciano, ma ci guiderà la vecchia guardia capitanata dal Nonno Luigi, Michele e l’ex presidente Franco. La mattina della gara una improvvisa indisposizione ci priverà della simpatia di Giuliano (o forse Giuliano ha fatto le ore piccole il sabato sera in qualche balera).
Ci ritroviamo davanti a Lido Impero sulla spiaggia di Chiatona per la settima tappa del circuito podistico “Trofeo due Mari” ed é un vero piacere ritrovarsi ogni volta con tutti gli abituè delle gare podistiche, in modo particolare con gli amici della società organizzatrice il Marathon Massafra: Fedele Lepore, Cosimo Manigrassi e Marino Palmisano compagni di numerose maratone e con cui gareggerò anche sabato prossimo alla “6 ore del Mare” a Castellaneta Marina. Nel riscaldamento pregara Marino mi racconta che le piogge dei giorni passati avevano allagato il piazzale antistante la zona partenza, sgombrato dall’acqua da pompe idrovore solo poche ore prima dell’inizio gara.


Oggi i nostri top runner sono Orazio e Fabiana che in settimana hanno festeggiato i propri compleanni e che anche in questa gara sapranno ben distinguersi; alla partenza si rivede anche la famiglia podistica Lucaselli al completo con Franco, Antonello e Claudio. Allo start sono posizionato con Pino, Santino e Michele.

Pino sparirà presto dalla mia vista e lo rivedrò solo al traguardo; riesco a resistere dietro a Michele per il primo tratto di asfalto di circa un Km, poi all’ingresso della pineta su sterrato Michele volerà via veloce, per lui abituato al bosco delle Pianelle questo tratto é più agevole di un’autostrada. Attorno al Km 2 mi raggiunge Fabiana, cerco di mantenere il suo ritmo, ma dopo mezzo Km devo desistere, mi raggiunge anche Santino e passo dopo passo si prende un discreto vantaggio.

Dopo tante maratone ho perso il ritmo veloce necessario per le 10 Km e vado presto in affanno, non sono abituato allo sterrato, inoltre ho la sensazione di una lieve ma costante salita per gran parte del tratto in pineta (parlando a fine gara con Pino e Luigi anche loro mi confermano questa ipotesi).

Quindi per questi motivi decido di rallentare anche in previsione del tratto finale sulla sabbia decisamente più impegnativo. Ristoro a metà gara, recupero le forze ed al Km 5 si esce dalla pineta e si arriva al mare. Correre sulla sabbia mossa é un’autentica impresa, sembra di sprofondare nelle sabbie mobili così, come tutti, scelgo di correre sulla battigia. Da qui fino all’arrivo sarà una sfida con le piccole onde che ripetutamente ci inzupperanno i piedi; le scarpe diventeranno pesanti come macigni, piene di acqua e sabbia . A casa dopo la gara,  tra calze e scarpe peserò quasi un kilo di sabbia. Nonostante questi ostacoli fino al Km 8, schizzando sull’acqua, sono spesso in fase di sorpasso e mi avvicino a Santino davanti a me un centinaio di metri, poi di nuovo un rallentamento, il lontano pallone del Km 9 non arriva mai, un ultimo sforzo ed una passarella ci riporta sull’asfalto per gli ultimi 100 metri prima dell’arco di arrivo.

A precedere me e Santino di un paio di minuti c’é Giuseppe che nonostante l’influenza onora la maglia del Crispiano Marathon Club portandola degnamente al traguardo. Seguiranno in ordine sparso Franco, Claudio e Antonello, debilitato da  due settimane di antibiotici, e a chiudere il nostro gruppo Luigi.

I ringraziamenti agli organizzatori del Marathon Massafra per una gara originale e divertente, anche se dura con medie superiori di circa 15 secondi al Km rispetto alle classiche corse cittadine. Ma il meglio della giornata deve ancora arrivare. Dopo il ristoro a base di frutta e yogurt rivedo Michele e decidiamo di fare un rinfrescante bagno a mare. La nostra non é stata un’idea originale perchè in acqua vedo numerosi podisti, anche Pino ci ha già preceduti in mare e leggendo i post su Whatsapp  scopro che anche Fabiana  ha gradito sguizzare tra le limpide acque come una sirenetta. E non finisce qui, si chiude in bellezza  perchè all’uscita dal mare, al ristoro ci attendono graditi gelati.


Anche oggi una giornata di divertimento e sana passione sportiva trascorsa con il gruppo di amici affiatati del Crispiano Marathon Club.

P.S. Un simpatico cartellino giallo al nostro web master Karletto che ha preferito correre 25 Km in solitaria invece di godere della nostra spumeggiante compagnia. Scherzi a parte bravo Carlo !!! Fai bene a prepararti per la maratona

 

ANDREA ADANTI

 

 

mouseover